Food Fix del Dr. Mark Hyman

Dr. Mark Hyman Environment Family Food Fix General Medical Issues Health Healthcare Practitioners Lifestyle

Come salvare la nostra salute, la nostra economia, le nostre comunità e il nostro pianeta: un boccone alla volta

 

Food Fix by Dr. Mark Hyman

Compra libro - Food Fix del Dr. Mark Hyman

Qual ​​è esattamente l'argomento del libro Food Fix?

Food Fix (2020) dimostra come alcuni dei problemi più gravi del mondo, come le malattie croniche, la disuguaglianza e la catastrofe climatica, possano essere tutti collegati al nostro cibo e ai metodi con cui viene coltivato e prodotto . Questo articolo del medico americano Mark Hyman delinea i prossimi passi da compiere per ottenere un'alimentazione sana e pratiche agricole rigenerative.

Chi è il pubblico di destinazione del libro Food Fix?

  • Chiunque sia interessato a mangiare correttamente e ad avere uno stile di vita sano
  • Gli ambientalisti e gli attivisti per il clima sono in aumento.
  • Gli agricoltori che vogliono passare all'agricoltura sostenibile dovrebbero leggere questo.

Chi è il dottor Mark Hyman e qual è il suo background?

Dott. Mark Hyman è un medico negli Stati Uniti che è anche un best-seller. È il fondatore e direttore medico dell'UltraWellness Center, che ha fondato nel 2003. Inoltre, il Dr. Hyman ha scritto un blog per l'Huffington Post ed è stato regolarmente nel programma di talk diurni Katie, ospitato da Katie Couric. .

Cosa contiene esattamente per me? Scopri come possiamo migliorare la nostra salute risparmiando anche l'ambiente attraverso l'uso di alimenti sostenibili.

 Dai un'occhiata più da vicino agli ingredienti la prossima volta che acquisti una confezione di patatine o una lattina di Coca Cola. Non è vero che sembrano tutti così innocenti? Vengono utilizzati sciroppo di mais, amido di frumento e olio di soia. Tuttavia, contengono la chiave di gran parte della sofferenza che vediamo intorno a noi. Il cibo che è stato eccessivamente trasformato sta danneggiando noi stessi e l'ambiente. È la forza trainante dietro le terribili statistiche su malattie cardiache, cancro e diabete di tipo 2. Ed è la colpa dell'enorme quantità di CO2 che è stata immessa nell'atmosfera negli ultimi anni. C'è un calo del numero di api da miele? È possibile avere un'estate senza farfalle? Probabilmente l'hai indovinato. L'agroindustrializzazione, necessaria per creare tutto il cibo spazzatura che consumiamo, sta distruggendo l'ambiente naturale e accelerando l'accelerazione del cambiamento climatico.

Con tutto questo destino e oscurità, è facile sentirsi sopraffatti, non è vero? La buona notizia è che tutto sta funzionando. Queste note ti forniranno una tabella di marcia per il futuro. Imparerai a conoscere i cibi da evitare, come dovrebbero rispondere i nostri governi e cosa possono fare gli agricoltori per garantire un futuro sostenibile alle loro famiglie. Scopri come un contadino guatemalteco sta trasformando il mondo; cosa è successo alla cosiddetta "rivoluzione verde"; e perché mangiare carne può ancora essere considerato ecosostenibile.

I problemi più seri che affrontiamo come specie possono essere tutti ricondotti a un'unica fonte: la nostra dieta.

 A volte sembra che il mondo stia per finire. Mentre attraversi qualsiasi flusso di notizie, ti troverai di fronte a nuove crisi, tassi di mortalità in aumento e nuove guerre che devono ancora essere risolte. C'è una nuova carestia all'orizzonte. Il numero di decessi per cancro è in aumento. Le calotte polari si stanno sciogliendo a un ritmo allarmante. Le api sono sull'orlo dell'estinzione. È improbabile che "cibo" sia il primo elemento che viene in mente se ti viene chiesto perché sembrano esserci notizie così preoccupanti. Nonostante questo, il cibo è al centro di tutto. La lezione più importante qui è che i problemi più seri che affrontiamo come specie possono essere tutti ricondotti a un'unica fonte: la nostra dieta. Considera alcuni dei problemi più seri che noi, come società, e il pianeta stiamo vivendo.

Prima di tutto, la nostra salute.Sorprendentemente, le nostre abitudini alimentari sono oggi la principale causa di mortalità, disabilità e sofferenza in tutto il mondo. Le nostre abitudini alimentari sono cambiate drasticamente negli ultimi 40 anni e non sono più riconoscibili. Stiamo consumando una quantità crescente di pasti ultra elaborati e zuccherati, il che ha portato a un rapido aumento dell'incidenza di malattie cardiache, diabete e cancro. Queste malattie sono oggi responsabili della morte di circa 50 milioni di persone ogni anno. Sono più del doppio più letali delle infezioni in termini di mortalità. Questa catastrofe sanitaria avrebbe potuto essere evitata completamente, ma è già costata miliardi di dollari agli Stati Uniti.

La disuguaglianza è il secondo punto da menzionare. I bambini che mangiano pasti altamente elaborati e ricchi di zuccheri sono a rischio di malnutrizione. Di conseguenza, il loro sviluppo cerebrale è stentato e i bambini possono crescere con scarsi risultati e essere spinti verso la povertà, i senzatetto o le attività criminali. Una cattiva alimentazione esaspera l'intero ciclo di iniquità di un ordine di grandezza. Il terzo punto di riferimento sono le comunità dei paesi in via di sviluppo. Le grandi aziende agroalimentari che l'autore chiama "Big Food" causano notevoli disturbi nelle loro vite. Nel frattempo, questi colossi spingono le persone fuori dalle loro terre, demoliscono le loro case e distruggono le loro tradizioni, promuovendo al contempo un'alimentazione malsana e pratiche agricole.

Infine, ma non meno importante, il modo in cui generiamo cibo sta mettendo a rischio il mondo. L'industria agricola nel suo insieme è il singolo più grande contributo al cambiamento climatico. Svuota il prezioso habitat che assorbe la CO2 e degrada la qualità dei suoli sani. Ha un impatto maggiore sul clima rispetto a tutte le nostre società di combustibili fossili messe insieme. Le tecniche agricole intensive saturano anche il pianeta con fertilizzanti e pesticidi dannosi, provocando l'estinzione di un numero enorme di animali e la creazione di enormi "zone morte" nei mari. Tradizionalmente, abbiamo trattato questi problemi come problemi distinti, classificandoli come "cattiva alimentazione" in una categoria e "cambiamento climatico" in un'altra. Tuttavia, hanno tutti una cosa in comune: si tratta di mangiare. Di conseguenza, per risolvere i problemi, dobbiamo adottare una strategia ampia e globale. Considera i seguenti problemi in modo più approfondito prima di definirli.

L'intossicazione alimentare ha una terribile conseguenza finanziaria.

 La maggior parte di noi è già consapevole che il consumo di grandi quantità di alimenti ultra-lavorati e zuccherati può causare gravi problemi di salute. Sembra che ovunque ci giriamo, ci sono nuove mode del mangiare sano e avvertimenti di "allerta rossa" sui cibi malsani. Tuttavia, ciò che può sorprendere è esattamente quanto la cattiva salute costa a tutti noi collettivamente. La lezione più importante da trarre da ciò è che l'impatto economico del cibo povero è spaventoso. Prendi, ad esempio, gli Stati Uniti d'America.

Ricercatori negli Stati Uniti hanno pubblicato due studi significativi nel 2018: "Il costo delle malattie croniche negli Stati Uniti" e "La crisi dell'obesità in America: i costi sanitari ed economici dell'eccesso di peso". Entrambi i rapporti sono stati pubblicati in inglese. Hanno scoperto che le spese dirette per la cura delle persone con problemi di salute cronici hanno superato i 1 trilione di dollari nel 2016, secondo questi studi. Qual è la causa principale di queste condizioni? La maggior parte delle volte, la spiegazione è una cattiva alimentazione. Ci sono altre spese indirette da considerare. Nel 2016, la perdita di reddito, la diminuzione della produttività e l'effetto sui caregiver sono stati pari a $ 2,6 trilioni negli Stati Uniti d'America.

A lungo termine, in un periodo di 35 anni, le spese previste per i problemi di salute nei soli Stati Uniti ammontano a 95 trilioni di dollari, secondo la Banca Mondiale.Gran parte di questa enorme quantità può essere attribuita alle conseguenze cumulative di malattie croniche come malattie cardiache o diabete, cancro, malattie mentali e altre malattie croniche, tra le altre Condizioni che sono – in larga misura – causate da cattive scelte nutrizionali . Inoltre, la ricerca mostra che il 60% degli americani ora ha almeno una malattia cronica, con il 40% che ha due o più malattie croniche. Avendo familiarità con tutte queste cifre, puoi forse iniziare a comprendere l'entità del problema che sta affrontando una sola nazione.

Ma che dire del resto del mondo? Se estrapoliamo i risultati di questi studi su una scala più ampia, potremmo avere un'idea dell'effetto mondiale del cibo povero. Hamburger, snack di mais, caramelle e soda sono tutti elementi fondamentali della cosiddetta "dieta industriale" americana, che si è espansa in tutto il mondo. Il costo mondiale potrebbe aggirarsi intorno ai quadrilioni di dollari, secondo alcune stime. Anche se potresti pensare che siano molti zeri, per me non significano nulla. Potremmo cambiare totalmente il nostro mondo secondo la Banca Mondiale se utilizzassimo questo denaro in modo diverso, secondo le loro stime. Con l'istruzione e l'assistenza sanitaria gratuite per tutti, potremmo sradicare la povertà, porre fine all'insicurezza alimentare e alla fame; colmare le lacune nella giustizia sociale, nel reddito e nella salute; eliminare la disoccupazione. Potremmo anche riabilitare le infrastrutture e i sistemi di trasporto, passare a fonti di energia rinnovabile e trasformare il nostro sistema agricolo industriale in uno completamente sostenibile.

È certamente qualcosa da considerare, vero?

Il settore agricolo sta creando una catastrofe per l'ambiente.

 Quando ti fermi al drive-thru per un hamburger o uno spuntino alla stazione di servizio, probabilmente non pensi al viaggio che il cibo ha dovuto fare per arrivare alle tue labbra. Se lo facessi, probabilmente vorresti uscire dal drive-thru o dalla stazione di servizio il prima possibile da allora in poi. Come mai? Perché enormi aziende agricole, le stesse persone che hanno coltivato quell'hamburger o prodotto i componenti di quello snack, stanno distruggendo l'ambiente a un ritmo allarmante. La lezione più importante qui è che la grande agricoltura si sta preparando per una catastrofe ambientale. Cominciamo dal suolo, che è una delle componenti più importanti dell'ecologia del nostro pianeta, se non la più importante. Il suolo è un ecosistema delicato e vivente che richiede cure speciali. È densamente popolato di batteri, funghi e vermi. Lavorano insieme per rimuovere i nutrienti dai materiali morti e fornire cibo per le piante. Non siamo in grado di produrre colture o allevare bestiame senza un buon terreno.

Ma l'agricoltura intensiva sta distruggendo questo ecosistema sano e vivo versandovi pesticidi e fertilizzanti tossici, rendendolo inadatto all'abitazione umana. Di conseguenza, il globo potrebbe avere solo 60 raccolti rimasti fino alla fine del secolo. Inoltre, il suolo è il serbatoio di carbonio più efficace che abbiamo. Tuttavia, mentre continuiamo a eroderlo attraverso un'agricoltura intensiva, stiamo rilasciando nel cielo tutta la CO2 che è stata trattenuta nel suolo. Di conseguenza, il riscaldamento globale continuerà ad aumentare. E mentre trasformiamo il nostro terreno sano e denso di sostanze nutritive in terra senza vita, continuiamo ad arricchirlo con fertilizzante azotato a un ritmo crescente. Questo terreno non sarà più in grado di sostenere alcuna crescita fino a quando non riceverà questa aggiunta. Questo fertilizzante fluisce poi dalle enormi megafattorie, nei fiumi, nei laghi e, infine, nell'oceano, peggiorando la situazione per l'ambiente.

La presenza di questa sostanza chimica provoca un aumento dello sviluppo delle alghe, che soffocano la vita acquatica e contaminano l'acqua potabile. La città del lago Erie di Cleveland è stata recentemente vittima del deflusso di fertilizzanti. La fioritura di alghe che ne è risultata ha causato un'enorme zona morta a Toledo, nell'Ohio, e ha contaminato l'approvvigionamento di acqua potabile della città.E nell'oceano, queste zone morte possono essere larghe fino a 8.000 miglia quadrate – l'equivalente dello stato del New Jersey – e contenere centinaia di migliaia di tonnellate di pesci morti e altra vita marina. Ma c'è di più. Ci vuole più di un semplice fertilizzante per mantenere grandi raccolti nell'agricoltura intensiva; ha anche bisogno di un numero significativo di insetticidi per farlo. Queste sostanze causano il cancro nell'uomo e hanno un impatto negativo sulla fertilità. Tuttavia, hanno anche il potenziale per alterare gli ecosistemi naturali e forse spazzare via intere specie.

Gli impollinatori come le api mellifere e le farfalle sono stati particolarmente colpiti dalla siccità. Non avremmo raccolti se non ci fossero gli impollinatori. Se non ci sono raccolti, non ci sarà cibo e alla fine non ci saranno persone. Tutto questo suona piuttosto cupo, non è vero? Tuttavia, abbiamo un'opzione se agiamo rapidamente. C'è solo un'opzione: o passiamo rapidamente a tecniche agricole e modelli alimentari più rispettosi dell'ambiente, o moriremo.

Ora è chiaro che i meccanismi che in precedenza ci aiutavano a sconfiggere la fame diffusa non funzionano più.

 Era ampiamente previsto che nuovi metodi di coltivazione e prodotti chimici agricoli avrebbero portato a un'abbondanza di raccolti per tutta la metà del XX secolo, e questo si è dimostrato vero. Alla fine, la fame nel mondo diventerebbe una situazione impensabile. La Rivoluzione Verde era il nome dato a questo fenomeno. Per molti aspetti è stato un successo. L'agricoltura su larga scala ha senza dubbio contribuito alla riduzione della fame in molte aree del globo. Questo ideale utopico, d'altro canto, ha ora incontrato gravi difficoltà. La lezione più importante da trarre da ciò è che i meccanismi che in precedenza ci aiutavano a sconfiggere la fame diffusa ora ci stanno venendo meno. È possibile che la Rivoluzione Verde fosse ben intenzionata. Tuttavia, ci ha lasciato con una sfilza di problemi.

Nell'ultima nota, abbiamo affrontato il danno che ha causato al suolo, all'acqua, alla biodiversità e al clima, tra le altre cose. Un effetto collaterale della rivoluzione agricola, però, è stata la produzione di un eccesso di alimenti trasformati, ricchi di calorie ma poveri di nutrienti. Sfortunatamente, la Rivoluzione Verde non ha raggiunto il suo obiettivo primario. Non ha portato all'abolizione della fame nel mondo. In teoria, produciamo abbastanza cibo per sfamare l'intero pianeta in questo momento. Tuttavia, ogni notte, 800 milioni di persone vanno a letto affamate in tutto il mondo. Ciò è dovuto al fatto che gran parte di ciò che viene prodotto viene utilizzato come mangime per animali nel redditizio business della carne bovina, convertito in biocarburante o altrimenti scartato. I bisognosi del mondo semplicemente non hanno accesso a tutto questo cibo, per una serie di motivi.

Un altro risultato della Rivoluzione Verde è stata la creazione di alimenti geneticamente modificati, spesso noti come alimenti OGM. Nonostante molti esperti credano che siano del tutto sicuri, non c'è mai stato un consenso definitivo e unanime su questo. E c'è un aspetto delle colture geneticamente modificate che è indiscutibilmente dannoso. È questa eccessiva dipendenza da pesticidi ed erbicidi che ha portato alla creazione di "superbatteri" e "supererbacce", che sono organismi resistenti ai pesticidi chimici e agli erbicidi. Gli stessi agricoltori sono responsabili dell'ennesimo fallimento della Rivoluzione Verde. Nonostante le promesse di mezzi di sussistenza stabili, la rivoluzione non è stata all'altezza delle aspettative. Anche il dottor M. S. Swaminathan, il padre della Rivoluzione verde indiana, ha confessato questo difetto nei suoi articoli accademici, nonostante sia ampiamente considerato il suo artefice.

Che cosa ha causato questo problema? Detto semplicemente, la colpa è del grande agrobusiness e dell'avidità. A causa del costo esorbitante di fertilizzanti, semi e pesticidi, tutti acquistati da grandi aziende, molti agricoltori sono caduti in difficoltà finanziarie.Ciò è particolarmente vero in India, dove la situazione è notevolmente peggiorata Dagli anni '90 si è registrato un allarmante aumento del numero di suicidi tra gli agricoltori indebitati. In una triste svolta che mette in evidenza gli orribili effetti umani dell'agricoltura su larga scala, diverse persone si sono suicidate ingerendo pesticidi. Quindi, questa è la cattiva notizia per ora. Cosa possiamo fare per ottenere un cambiamento positivo? Cercheremo soluzioni nelle note seguenti, che verranno pubblicate qui.

Il cibo che fa bene a te lo fa anche all'ambiente.

 Come consumatori, abbiamo la capacità di comunicare tramite i nostri fork. La decisione di consumare alcuni tipi di cibo e rifiutarne altri mette sotto pressione le grandi aziende agricole e alimentari affinché modifichino le loro pratiche. Inoltre, la buona notizia è che è possibile scegliere una dieta che sia sia nutrizionale che ecologicamente benefica. C'è un messaggio chiaro qui: il cibo che è sano per te è anche sano per l'ambiente. Per iniziare, dovresti consumare una grande quantità di verdure e cibi integrali che sono stati prodotti in modo sostenibile. Controlla che le carote che consumi non siano state spruzzate con glifosato erbicida o altre sostanze chimiche potenzialmente dannose. Abbi cura di assicurarti che i tuoi cereali siano stati coltivati ​​in modo rispettoso dell'ambiente e non esauriscano le nostre scorte di acqua dolce. Ma per quanto riguarda i prodotti animali come carne, pesce e latticini? Diamo un'occhiata più da vicino a ciascuno di essi.

Inizieremo con un pezzo di manzo. Un gran numero di dietologi sconsiglia di consumarlo. Inoltre, è altamente raccomandato ridurre il consumo di carne. Quando possibile, la carne dovrebbe essere servita come contorno, con le verdure che occupano più della metà del piatto. Tuttavia, non è così semplice come affermare semplicemente: "Mangia meno carne per preservare l'ambiente". In effetti, la carne prodotta in modo sostenibile può potenzialmente contribuire in certi modi alla risposta ai cambiamenti climatici. Combina il pascolo con la coltivazione di ortaggi biologici, ad esempio, e i risultati potrebbero essere sorprendenti. L'arricchimento naturale del suolo è fornito da animali al pascolo, che elimina la necessità di fertilizzanti chimici. Mangiare carne che è stata coltivata in questo modo, quindi, può contribuire allo sviluppo di un sistema agricolo più sostenibile, a condizione, ovviamente, che costituisca una porzione modesta della propria dieta complessiva.

Secondo, ci sono i pesci. Scegli pesce pescato in modo sostenibile, ricco di acidi grassi omega-3 e povero di mercurio. Evita di mangiare specie grandi e insostenibili che hanno un alto contenuto di mercurio, come tonno, pesce spada e halibut, che sono tutti ricchi di mercurio. Al posto di questo, dovresti consumare più acciughe, sgombri e salmone pescati allo stato brado. Ultimo ma non meno importante, i latticini. In generale, è meglio starne alla larga. Tuttavia, se devi avere prodotti lattiero-caseari, assicurati che sia al 100% nutrito con erba e di origine biologica. E, se possibile, cerca di consumare e bere beni prodotti da pecore e capre piuttosto che quelli ottenuti dal bestiame. A causa del fatto che, nella maggior parte dei casi, il metodo con cui alleviamo il bestiame è dannoso per la salute delle mucche, nonché per l'ambiente e le persone.

Queste sono solo linee guida. Siamo, tuttavia, tutti unici. Ognuno di noi ha una serie unica di requisiti e prerequisiti. Mentre cerchiamo cibo che è stato prodotto in modo sostenibile, dobbiamo prestare attenzione anche al nostro corpo. Se riusciremo a trovare il giusto equilibrio in quest'area, potremo mangiare in modo sano sia per noi stessi che per l'ambiente.

Nonostante il fatto che i lobbisti alimentari siano molto forti, l'azione del governo contro le aziende dannose ha il potenziale per avere successo.

 Il predominio delle grandi imprese è uno degli ostacoli più significativi per affrontare la proliferazione di alimenti non salutari e non sostenibili.I lobbisti legislativi affollano le sale del potere, corrompendo funzionari governativi e offrendo qualsiasi cosa, da regali a contributi elettorali in cambio della loro cooperazione. Ciò ha portato alla scomparsa di una grande quantità di legislazione progressista. Tuttavia, c'è stato un certo successo nell'opporsi al dominio aziendale in alcune parti del globo. La lezione più importante qui è che, nonostante il fatto che i lobbisti alimentari siano molto forti, l'azione del governo contro le aziende dannose può avere successo. Il Cile è un paese che fornisce un esempio. Il dottor Guido Girardi, nato a Santiago, è stato eletto al senato del paese nel 2006 dopo una campagna di successo. Come risultato della sua esperienza personale con il problema della salute, decise di affrontare il business alimentare e le sue tattiche di marketing predatorie.

Allora, cosa ha fatto esattamente? Per fare questo, ha chiesto l'aiuto di nutrizionisti, che hanno lavorato insieme per scrivere quella che ha soprannominato "La legge sull'etichettatura e la pubblicità degli alimenti". Nonostante la forte resistenza delle principali aziende alimentari, la legislazione di Girardi è stata infine approvata. Questa legge aveva una serie di disposizioni accattivanti. Ha richiesto alle aziende alimentari di apporre etichette di avvertenza su prodotti che hanno livelli eccessivi di zucchero, sale, grassi saturi o calorie, tra le altre cose. Si è quindi deciso di vietare l'impiego di personaggi dei cartoni animati per pubblicizzare cibo spazzatura ai giovani. Alle aziende non era più permesso promuovere cibo spazzatura in televisione tra le 6:00 e le 22:00 e tutto il cibo spazzatura è stato rimosso dalle mense scolastiche. Ultimo ma non meno importante, il governo ha richiesto alle aziende alimentari di modificare la loro pubblicità per includere messaggi sull'esercizio fisico e sul mangiar bene.

Gli effetti iniziali sono stati a dir poco spettacolari. I bambini hanno iniziato a esortare i loro genitori a non acquistare cibo spazzatura perché ne erano stanchi. Si è scoperto che la legge ha avuto quattro volte più successo di qualsiasi altra tassa o politica alimentare in passato quando i dati dei consumatori sono stati resi pubblici. Un'altra iniziativa politica di successo è stata la soda tax, proposta negli Stati Uniti dall'economista Larry Summers e dall'ex sindaco di New York Michael Bloomberg. Nonostante gli sforzi della forte industria delle bevande per impedirne l'adozione, la tassa fu infine imposta a Oakland, San Francisco e Filadelfia, tra le altre città. Ha avuto l'effetto desiderato di ridurre il consumo di soda. Tuttavia, il denaro prodotto è stato utilizzato per finanziare la costruzione di scuole pubbliche e strutture ricreative. Quando le persone hanno visto di persona queste scuole e strutture ricreative - risultati genuini e tangibili - il loro sostegno alla tassa è aumentato notevolmente.

Di conseguenza, nonostante le vaste risorse e l'influenza politica della grande agricoltura e del Big Food, i governi e i legislatori possono fare significativi passi avanti presentando argomentazioni ben ponderate e popolari. Nella prossima sezione, esamineremo cosa possono fare gli agricoltori per aiutare.

L'agricoltura rigenerativa è essenziale per un mondo sano e per la salute dei suoi abitanti.

 Abbiamo appena visto cosa possono fare i governi in termini di trasformazione del modo in cui mangiamo. Ma che dire delle persone che producono il nostro cibo e mantengono la nostra terra? Quali sono le loro prospettive? Per prevenire crisi di salute pubblica e disastri ambientali, gli agricoltori devono riconsiderare le loro pratiche e pratiche agricole in generale. Ciò comporta l'utilizzo di una tecnica nota come "agricoltura rigenerativa". L'agricoltura che enfatizza la sostenibilità ambientale mentre produce cibo nutriente e biologico viene definita agricoltura biodinamica. La lezione più importante da trarre da ciò è che l'agricoltura rigenerativa è essenziale per un mondo sano e persone sane. Soprattutto, il suolo è la componente più importante dell'agricoltura rigenerativa.

Al momento, siamo intrappolati in un circolo vizioso. Stiamo esaurendo la vita organica che esiste in un buon terreno.Quindi, per far crescere qualcosa, dobbiamo riempirlo di fertilizzante tossico. Questo non è sostenibile, né per noi stessi né per l'ambiente. Quindi, come possiamo coltivare senza impoverire i nutrienti del terreno? Innanzitutto, gli agricoltori devono passare alle cosiddette tecniche di coltivazione "no-till" che non danneggiano il suolo. È preferibile utilizzare le seminatrici per limitare i danni arrecati al terreno piuttosto che ararlo e sconvolgerne il delicato equilibrio. Ciò migliorerà la salute del suolo e aiuterà a trattenere le precipitazioni. I terreni sani sono notevolmente più efficaci nel trattenere l'acqua. In secondo luogo, gli agricoltori dovrebbero ruotare e mescolare regolarmente i loro raccolti, consentendo al suolo di recuperare tra i raccolti e le stagioni. Inoltre, è meno probabile che malattie e parassiti prosperino con una produzione agricola coerente e omogenea.

Quindi, come abbiamo visto in precedenza, gli allevatori devono riconsiderare il ruolo degli animali nelle loro operazioni. Consideriamo il caso dei bovini allevati in allevamenti biologici. Il bestiame pascola sulla terra, fertilizzando il terreno con letame, urina e saliva. Stimolare naturalmente la crescita delle piante, migliorare la struttura delle radici e aumentare la fertilità del suolo sono tutti vantaggi di questa pratica. Come con i bisonti che hanno vagato per le pianure americane per migliaia di anni, i bovini si sono evoluti per vivere in un rapporto simbiotico con il loro ambiente e con la flora. Il successo di questo approccio dimostra che seguire l'esempio della natura è il mezzo più affidabile per sviluppare un'agricoltura sana e sostenibile.

Infine, uno degli aspetti più dannosi dell'agricoltura contemporanea è l'uso eccessivo di acqua dolce. Tuttavia, c'è un barlume di ottimismo in lontananza. Alcuni agricoltori hanno scoperto che una tecnica nota come "agricoltura delle zone aride" può affrontare efficacemente il problema. Ciò comporta la coltivazione di colture senza bisogno di irrigazione. Invece di arare i loro campi dopo il raccolto, questi agricoltori lasciano le stoppie nel terreno e poi piantano un nuovo raccolto direttamente nel residuo. L'evaporazione sarà ridotta se le radici e gli steli delle piante vengono mantenuti intatti e il campo ne raccoglierà di più precipitazioni e neve soffiata rispetto a quando le piante vengono lasciate nude. Implementando queste tecniche su una scala più ampia, possiamo distogliere la nostra attenzione dal nostro corso attuale e verso un futuro più verde e più sano, un futuro migliore per le persone, gli animali e l'ambiente.

In tutto il mondo si stanno sviluppando nuove e innovative tecniche agricole.

 Il cambiamento climatico e l'alimentazione scorretta stanno diventando argomenti di discussione sempre più popolari in tutto il mondo e alcuni agricoltori stanno prendendo in mano la situazione. Questi agricoltori sono i pionieri e i pionieri sono gli innovatori da cui molti altri prenderanno spunto. La lezione più importante da trarre da questo è: in tutto il mondo si stanno sviluppando tecniche agricole nuove e innovative. A capo del movimento c'è un ragazzo del Guatemala di nome Reginaldo Haslett-Marroquin. È il creatore del Main Street Project, un tipo unico di allevamento di polli che produce solo uova biologiche.

Agroforestry è il termine usato per descrivere ciò che Main Street Project realizza. Nel loro esempio, comporta la coltivazione di polli ruspanti nelle foreste di nocciole, che è un concetto relativamente nuovo. Questo è qualcosa che ricorda gli inizi del pollo, che era come un uccello della giungla in natura. Questo metodo ha prodotto molti vantaggi e sottoprodotti aggiuntivi come risultato della cooperazione con la natura piuttosto che combatterla. Per cominciare, gli alberi offrono un riparo naturale dai predatori aerei come falchi e poiane, che sono comuni nella zona. Il verde protegge anche dal sole le galline.

Inoltre, a causa dell'abbondanza di cibo naturale nella foresta, gli agricoltori non dovranno spendere tanto denaro per fonti di alimentazione esterne. Accanto alle galline è possibile coltivare legumi e cereali.Inoltre, poiché le galline consumano un gran numero di insetti, fungono da antiparassitario naturale. Ciò implica che i pesticidi non verranno più utilizzati. Le nocciole stesse possono poi essere vendute per aumentare il reddito dei contadini, che possono poi venderle con le uova o le galline. Infine, le noci cadute a terra e gli escrementi di pollo fertilizzano il terreno e forniscono nutrimento per le altre colture.

Le fattorie come queste sono ecosistemi viventi in sé e per sé e sono completamente autosufficienti. Gli agricoltori non coltivano più monocolture, dannose per l'ambiente. Invece, si concentrano sulla coltivazione di una varietà di colture allo stesso tempo, creando allo stesso tempo un habitat naturale diversificato che li circonda. Questo è qualcosa che nessun campo di grano saturo di pesticidi o caseificio intensivo potrebbe mai sperare di realizzare.

Lo spirito di Main Street Project è anche qualcosa che molti agricoltori potrebbero prendere una pagina dal loro libro. Nonostante il fatto che l'allevamento di polli sia redditizio, non è motivato dal desiderio di massimizzare i profitti a breve termine. Agricoltori come Reginaldo Haslett-Marroquin sono profondamente consapevoli che, senza un'agricoltura sostenibile, non ci sarebbe terra abitabile da cui trarre profitto in futuro e stanno lavorando duramente per raggiungere questo obiettivo. Di conseguenza, organizzano le loro tecniche sotto un manifesto che afferma che l'agricoltura deve avere successo su tre livelli: ambientale, economico e sociale.

È un vantaggio per tutti quando l'obiettivo è ripristinare la salute umana e ambientale piuttosto che solo guadagnare denaro. Questo metodo è preferibile per gli agricoltori, che beneficiano di un ambiente di lavoro sicuro, piacevole e ricco di risorse. È meglio per i polli, che potranno trascorrere la loro vita come se fossero uccelli selvatici. Ci sono effetti meno negativi sull'ecosistema, che può prosperare senza essere spruzzato con sostanze chimiche tossiche. Infine, è meglio per tutti noi, non solo per pochi.

La conclusione del libro Food Fix.

Il tema principale di queste note è che la dieta occidentale, con i suoi alimenti ultra-elaborati e l'agricoltura intensiva, è dannosa sia per l'uomo che per l'ambiente. È un dato di fatto, è al centro di così tanto di ciò che è sbagliato nel mondo di oggi. Di conseguenza, mangiare e coltivare in modo più sostenibile deve essere il punto di partenza per risolvere i grandi problemi dei nostri giorni. Per raggiungere questo obiettivo, i governi possono esercitare pressioni sulla grande agricoltura attraverso leggi progressiste, mentre gli agricoltori possono adottare metodi agricoli nuovi e rigenerativi per ridurre la propria impronta di carbonio. Consigli che possono essere messi in pratica: incoraggiate i coltivatori locali a continuare il loro lavoro. È probabile che se vivi in ​​una città o in una città dove ci sono orti, sarai in grado di individuare agricoltori locali che consegneranno volentieri cibo biologico fresco direttamente alla tua porta di casa. Iscriviti ora! Per favore, fornisci loro il tuo supporto! Consuma la loro tariffa!

Compra libro - Food Fix del Dr. Mark Hyman

Scritto da BrookPad Team basato su Food Fix del Dr. Mark Hyman

.


Post più vecchio Post più recente


lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati